×

Pratello sorge sulle colline moreniche della sponda dannunziana del lago di Garda; un’area contraddistinta da un microclima unico, influenzato dal più grande lago italiano.
Una Terra baciata da 3000 ore di sole all’anno con brezze mattutine e serali che rinfrescano e mantengono in equilibrio gli elementi naturali che ci regalano l’unicità di questo prodigio climatico sub mediterraneo.
Una terra creata per insegnare agli uomini a godersi le cose belle della vita.

Valtènesi

La Valtènesi è un angolo di Mediterraneo ai piedi delle Alpi, caratterizzata da un microclima unico; è il territorio più a nord d’Italia in cui la vite e l’ulivo si mescolano con i limoni, il cedro, i capperi e le palme, dando vita ad una sorta di “enclave” mediterranea nel bel mezzo dei rilievi alpini: una terra baciata da 3000 ore di sole l’anno.
Il terreno collinare, di origine morenica formatasi grazie allo scioglimento dei ghiacciai, si presenta prevalentemente ciottoloso e con elevata concentrazione di calcare attivo che dona ai vini sapidità e salinità.
La tessitura sciolta e permeabile dei suoli garantise un elevata sanità delle uve

La tessitura sciolta e permeabile dei suoli garantise un elevata sanità delle uve Il vitigno autoctono Groppello, rarità enologica fragile e preziosa in quanto materia prima delicatissima ha trovato qui il suo habitat ideale, rendendo la Valtènesi un luogo irripetibile da cui nascono vini eleganti, minerali, caldi ed al contempo leggeri.
La vocazione del Groppello alla vinificazione in Rosa viene esaltata dal metodo Molmenti, che dal 1896 è stata codificato come metodo di produzione del Rosè della valtenesi, vino più nobile e rappresentativo del lago di Garda, che nasce da Viticoltura Dedicata
Il rosè per la Valtenesi è quindi storia cultura e tradizione.

Lugana

La zona della Doc Lugana si estende a sud del Lago di Garda. Il suolo di chiara origine glaciale costituitosi grazie alla discesa dei ghiacci verso valle, è composto da argille stratificate di origine morenica e di natura sedimentaria, ricche di Sali minerali. Nella fascia in prossimità del lago è in maggioranza argilloso. Nella fascia più collinare della Doc si presenta un terreno dove le argille si fondono a fasce di morena. Caratteristica è la cosiddetta conformazione a “macchia di leopardo” poiché il tenore prevalente di argilla presente nel suolo, varia molto da zona a zona. Non è una terra facile da lavorare: tanto è compatta e dura in tempi di siccità, quanto diventa molle e fangosa dopo la pioggia. Proprio queste caratteristiche chimico-fisiche conferiscono al vitigno Turbiana, appartenente alla famiglia del Trebbiano, profumi vigorosi, netti, oltre ad acidità e sapidità. Il Lugana è perciò un vino dal profumo complesso, dall’abboccato rotondo e persistente.

San Martino della Battaglia DOC

Collocata a cavallo tra le province di Verona e Brescia, la DOC S. Martino della Battaglia è una piccola nicchia geologica e climatica al confine tra le colline e l’entroterra a sud del lago di Garda. La zona è particolarmente favorita dalle condizioni climatiche create dalla grande massa del bacino del Garda.

Qui da sempre viene coltivato il Tokaj, che dopo la contesa Italia-Ungheria, è stato ribattezzato Tuchì.
Vigne di oltre 80 anni, in parte a piede franco, danno vita al nostro Ottocento: vino dalla nitidezza Aromatica, Salino, Croccante da giovane e Polposo nel tempo